August 12, 2010

My developing times chart

I keep a chart on the wall of my darkroom that shows the developing times of a few combinations of films and developers.
I found it's much easier to have a glance at it instead of looking up datasheets with many information I'm not going to use.
The chart is inside a clear pocket for A4 sheets, that I glued on the wall. In this way I'm able to update it and replace it anytime.
The original chart is in a Google document. What you see below is a web version of it, that is automatically updated by Google Docs anytime I modify the original document.
I'm updating this table on the basis of the tests I'm doing on 120 films.

2 comments:

  1. Intelligenza (nei tuoi post), gran buon gusto e tecnica padroneggiata con disinvoltura (nelle foto). Bravo, bravissimo. Guarda, ho rispetto per le mie stampe da 13X18, ma non essendo invidioso, trovo profonda soddisfazione nel vedere qualcuno che professa un certo tipo di gusto e di pratica fotografica con risultati molto migliori dei miei. Non riesco a vedere la tua tabella di camera oscura, e mi interesserebbe molto. Io mi destreggio (solo in bacinella) tra PMK (vita dura, macchia spesso), fx1, fx1 leggermente modificato e fx2 in quasi stand. Non mi lamento e anzi trovo molta soddisfazione,... ma insomma lasaciami ripetere i complimenti.
    sandro Bisotti

    ReplyDelete
  2. Intelligenza (nei tuoi post), gran buon gusto e tecnica padroneggiata con disinvoltura (nelle foto). Bravo, bravissimo. Guarda, ho rispetto per le mie stampe da 13X18, ma non essendo invidioso, trovo profonda soddisfazione nel vedere qualcuno che professa un certo tipo di gusto e di pratica fotografica con risultati molto migliori dei miei. Non riesco a vedere la tua tabella di camera oscura, e mi interesserebbe molto. Io mi destreggio (solo in bacinella) tra PMK (vita dura, macchia spesso), fx1, fx1 leggermente modificato e fx2 in quasi stand. Non mi lamento e anzi trovo molta soddisfazione,... ma insomma lasaciami ripetere i complimenti.
    sandro Bisotti

    ReplyDelete